Cuscino senza Cerniera per la camera di Dudu

Passeggiando per Lille mi sono ritrovata in rue P.Mauroy, in pieno centro. Una delle stradine piene di negozi che si diramano dalla Grand Place e dalla Place du Thèatre.
Arrivata quasi in fondo alla via, alzo gli occhi per ammirare lo splendido blu del cielo di Lille nelle giornate di sole, un cartello mi ha colpito : TOTO.

 

E’ il cartello di un negozio con una piccola vetrina, non particolarmente curata. Stoffe e tessuti. Entro poco convinta ma mi accolgono due piani straripanti di stoffe. Ottimo, cuoricini negli occhi per l’emozione.
Sono un autodidatta del cucito, con la mia fidata Singer, e una collezione di scampoli lasciati dalla nonna Egi, la nonna di Filo, sarta per tutta la vita.

Comincio a curiosare, comprerei metri e metri di tessuto, ma devo sempre tenere a mente che Maison Motta è piccina, e non ho posto per stipare tutto.
Mi dirigo nella zona scampoli e , eccolo lì, uno scampolo di 1 mt per 60 cm. Un tessuto da arredo, con righe a spiga bianche , fucsia e arancio. Proprio i colori che Dudu ha scelto per la sua nuova camera. Fatta! Compro questo scampolo per poco meno di 1 euro, perfetto per un bel cuscino.

Torno a casa, lavo la stoffa, per essere certa di non avere cali e brutte sorprese al primo lavaggio che sarà necessario. Sempre meglio bagnare o lavare le stoffe prima di procedere alle nostre creazioni. Una volta asciutto, una passata veloce di ferro da stiro, e sono pronta a creare il nuovo cuscino di Dudu.

  • piego la stoffa, dritto contro dritto, nel senso piu lungo e sormonto di un 5 cm ca le due parti in modo da ricavare una tasca
  • Cucio le due parti laterali, dopo averle velocemente fermate con degli spilli
  • cucio 3 cm per parte la tasca in modo che stia un poco più chiusa
  • rivolto la stoffa e sitemo con le mani gli angoli
  • al centro della tasca fisso un laccetto ad asola , e dalla parte opposta un bottone

Ecco il cuscino è pronto!
Ora Dudu può addormentarsi sopra al suo cuscino senza il pericolo di graffiarsi con la cerniera.
Il primo passo verso i colori di cui Dudu vuole circondarsi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *